martedì 19 settembre 2017

Presentazione del libro Le città nascoste



Il 5 ottobre ci sarà la prima attività organizzata da Alter Eco nell'ambito del progetto GIGA: la presentazione del libro Le città nascoste di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri.

Paolo Merlini e Maurizio Silvestri viaggiano unicamente con i mezzi pubblici, autobus di linea e treni regionali. Narrano la geografia del patrimonio enogastronomico dei luoghi che visitano in modo non convenzionale alla ricerca continua di incontri, casuali e non, con scrittori, giornalisti, contadini, osti, vignaioli, artigiani, veri custodi dei luoghi, di storie e di saperi. Per Exòrma edizioni hanno già pubblicato tre libri di viaggio dedicati alle Marche, all'Abruzzo e alle "città nascoste" Trieste, Livorno, Taranto. 


Con loro parleremo di cosa significa oggi, "pur in un'epoca fondata sulla convinzione di conoscere e aver esperito già tutto, non rinunciare al desiderio di mettersi in treno, in traghetto o in corriera per afferrare dettagli, odori, parole di un luogo. Perché è proprio attraverso gli scarti, i dettagli marginali, gli scampoli di vita che è possibile capire di che pasta sia fatta, ancora oggi, l'anima di un luogo, e se sia ancora possibile afferrarla" (dalla prefazione di Alessandro Leogrande a "Le città nascoste").


Paolo Merlini, esperto di vie traverse, è uno specialista di trasporto pubblico locale riconosciuto a livello nazionale. Di slow travel scrive e parla alla radio. Collabora alle Guide Verdi del Touring Club Italiano.

Maurizio Silvestri scrive di viaggi e cultura enogastronomica per Porthos. Collabora alle guide Slow Wine e Osterie d’Italia di Slow Food, alle Guide Verdi del Touring Club Italiano. Ha un piccolo talento per la fotografia. Ha diretto, insieme a Giuseppe Gennari, il Festival Ferré di San Benedetto del Tronto, città dove risiede.

L'evento si colloca all'interno delle iniziative promosse dal progetto G.I.G.A. (Gruppo d’Incontro Giovani e AggregAzione) coofinanziato dalla Regione Marche e dal Dipartimento della Gioventù nell’ambito dell’intervento “AggregAzione”.

0 commenti:

Posta un commento